Igiene orale e sbiancamento dei denti


L’igiene orale è la terapia base di ogni trattamento odontoiatrico, oltre che il primario e più importante mezzo di prevenzione per mantenere in salute la propria bocca.

Con “igiene orale e profilassi” si indicano tutta quella serie di manovre di pulizia del cavo orale atte a rimuovere correttamente ed efficacemente tutti i fattori in grado di determinare infiammazione gengivale e carie dentale.

Tali fattori sono spesso rappresentati da placca e tartaro, responsabili dell’insorgere di gengiviti che, se non curate, possono a propria volta progredire e spostarsi verso i tessuti di sostegno del dente, dando così inizio ad una vera e propria malattia parodontale.

L’accumulo di placca batterica, oltre a produrre la formazione di macchie sui denti ed essere possibile causa di sgradevoli alitosi, è una delle principali cause di carie e parodontiti.

È importante però, nel quadro di una salute orale ottimale, che vi sia una sinergia tra l’igiene orale professionale di cadenza periodica (da eseguire preferibilmente ogni sei mesi), e quella domiciliare, fondamentale a garantire una pulizia costante e quotidiana del cavo orale.

La moderna odontoiatria ha sviluppato anche una serie di interventi mirati nell’ambito dell’estetica dentale per restituire un sorriso bello, luminoso e naturale, con soluzioni sempre più aggiornate di sbiancamento dei denti.



Lo sbiancamento dentale

E’ un trattamento cosmetico e conservativo che permette di recuperare il colore bianco dei denti sani.

Questo processo permette di degradare i cromogeni dentali (caffeina, teina, carotene), ossia i composti organici responsabili dei denti gialli o macchiati, recuperando un colore più chiaro.

Per ottenere dei buoni risultati bisogna mettere da parte metodi fai da te e soluzioni casalinghe che prevedono un uso non monitorato del bicarbonato o di agenti acidi come il limone. Lo sbiancamento dei denti è un’operazione che deve essere eseguita con strumenti adeguati e competenze specifiche.

Lo sbiancamento dei denti sfrutta i perossidi in grado di ossidare i legami chimici delle sostanze responsabili della colorazione dei denti, sia vitali che necrotici.

Questa tecnica può essere effettuata durante una sola seduta dal proprio dentista garantendone ottimi risultati; È indicata per il trattamento delle pigmentazioni generalizzate delle arcate dentarie o in caso di alcuni tipi di fluorosi .

In tutti i casi, dovendo utilizzare una concentrazione più elevata di perossido di carbamide per ottenere uno sbiancamento efficace in meno di trenta minuti, è opportuno isolare la gengiva con una diga fluida che viene applicata sulle gengive e che si solidifica con la luce.



Il trattamento può avvalersi della foto-attivazione con luce alogena, LED o laser e del metodo termocatalitico.